Negli ultimi anni, le scuole hanno investito sempre più nell'acquisto di computer portatili, tablet, interfacce e altre infrastrutture digitali. Nonostante ciò, si trascura il fatto che la sola attrezzatura non è sufficiente ad assicurare la trasformazione digitale dell'aula. Le insegnanti e gli insegnanti necessitano di programmi e di dispositivi digitali appropriati e devono sapere come utilizzarli in classe. Tuttavia, di fronte all'immensa quantità di tecnologie didattiche diverse, ci si chiede come il corpo insegnante possa trovare e selezionare gli strumenti più adatti. Lo «Swiss National EdTech Testbed Programm» dello Swiss EdTech Collider, che ha la sede presso l'Innovation Park dell’EPFL a Ecublens e presso il BeLEARN di Berna, si è impegnato in questa sfida e sostiene le scuole di tutta la Svizzera nella loro trasformazione digitale.

Il corpo insegnante valuta le nuove tecnologie

Nel mese di novembre 2022, è stato lanciato il nuovo programma Testbed sostenuto dalla Jacobs Foundation e dalla Gebert Rüf Stiftung. Questa nuova iniziativa si prefigge di aiutare il corpo insegnante a testare in classe le nuove tecnologie educative. Le insegnanti e gli insegnanti, non solo possono testare gratuitamente i nuovi strumenti didattici, ma vengono pure introdotti all'uso dello strumento digitale dal team di Swiss EdTech Collider (formato da due ex insegnanti) e, se è necessario, vengono accompagnati in classe nell'implementazione e nell'utilizzo del nuovo strumento. Dopo aver testato gli strumenti digitali, gli insegnanti analizzano il rispettivo strumento e lo valutano in base a vari criteri, come la facilità d'uso e il valore aggiunto didattico. In questo modo, le aziende EdTech ricevono dalla pratica un prezioso feedback e possono adattare meglio le loro innovazioni alle esigenze degli insegnanti e degli allievi. Lo «Swiss National EdTech Testbed Programm» non è quindi solo un'offerta preziosa per le scuole e il corpo insegnante, ma lo è anche per le aziende EdTech, che beneficiano direttamente dell'esperienza e del feedback delle insegnanti e degli insegnanti e possono quindi adattare e migliorare, se necessario, i loro prodotti.

La trasformazione digitale del sistema educativo rappresenta senza alcun dubbio una grande sfida, ma offre pure un numero incredibile di opportunità. Grazie all'utilizzo delle tecnologie educative, le insegnanti e gli insegnanti possono, ad esempio, individualizzare meglio il loro insegnamento e adattarlo ai bisogni dei singoli allievi. Inoltre, gli strumenti digitali possono contribuire a rendere l'insegnamento più interattivo e più motivante. Sebbene le opinioni divergano fortemente riguardo l'utilizzo delle tecnologie educative nell'insegnamento, tutte le esperte e tutti gli esperti concordano su un punto: l'importanza delle soluzioni digitali, che favoriscono l'insegnamento, in futuro continuerà ad aumentare. Il corpo insegnante deve quindi affrontare questa evoluzione e formarsi per essere in grado di utilizzare in classe le tecnologie educative in modo sensato e ottimale.

Scambio internazionale

Non è solo in Svizzera che si utilizzano sempre più strumenti digitali nel sistema educativo: l'uso di strumenti digitali nell'insegnamento e nell'apprendimento è in aumento nel mondo intero. In molti Paesi, soprattutto in quelli scandinavi, vengono già utilizzati su larga scala programmi specifici «EdTech Testbed Programm» come quello offerto dallo Swiss EdTech Collider dal novembre 2022. Il Global Edtech Testbed Network GETN è stato creato recentemente per scambiare in modo ottimale le esperienze, le buone pratiche e le conoscenze raccolte tra i principali «EdTech Testbed Programm» dei diversi Paesi. Lo Swiss EdTech Collider partecipa attivamente a questa rete in qualità di organizzazione partner, contribuendo così a rafforzare e a promuovere lo scambio in questo entusiasmante settore, a livello mondiale.

 

Ospite

Portrait Carmen Sieber
Carmen Sieber
Responsabile del programma Swiss National EdTech Testbed Programm
Swiss EdTech Collider

Articoli correlati

In un mondo digitale, la trasmissione dei diplomi e dei certificati di lavoro analogici pone problemi e genera una montagna di dati personali. I giustificativi digitali possono essere d'aiuto in questo senso, poiché migliorano due aspetti: la connettività – ovvero la trasmissione nel modo più semplice possibile – e il risparmio di dati di tali scambi. Nel quarto video della serie «Blockchain nella formazione» vi mostriamo come si effettua concretamente tutto ciò.

Cosa hanno in comune il federalismo svizzero e le blockchain? Entrambi si concentrano sull'autodeterminazione delle piccole unità. In occasione del nostro convegno 2023 sulle «blockchain nella formazione» esamineremo questa tendenza all'autodeterminazione e i possibili significati per il sistema educativo che ha una comprovata esperienza nel federalismo.